The Nest – Il Nido: Un altro coraggioso passo per il cinema italiano

The Nest- Il Nido non si presenta come un qualcosa di ispirato a classici titoli ambientati tra mura domestiche (es. Evil Dead, The Conjuring) di cui si conoscono gli eventi, né ha intenzione di concentrarsi sull’orrore inteso come spavento.
Ciò che la claustrofobica fiaba di Roberto De Feo mette in scena è la paura scaturita dall’insicurezza, insicurezza a sua volta causata da una morbosa protezione materna. Come dentro un nido, fungono come rifugio dal mondo esterno le mura della grande tenuta abitata da Claudio e sua sorella Elena, una madre rigida e categorica, il cui scopo assieme al fratello è quello di impedire che suo figlio Samuel varchi anche solo di poco i confini di quella fastosa tenuta. Non tardano a manifestarsi gli effetti di quella regola una volta che, come nuova domestica, viene assunta Denise una ragazzina con la quale Samuel instaurerà un rapporto di intesa reciproca, ed ecco che le morbose condizioni di clausura all’interno di quel nido protettivo subiscono un ulteriore irrigidimento, in seguito alla ribellione che nascerà dall’amicizia tra i due.

Coraggioso, con un’impeccabile messa in scena e con un cast azzeccatissimo per ciascun personaggio, The Nest segna un’altra svolta nel cinema di genere italiano, mostrando in chiave horror le conseguenze di un legame ossessivo e quanto quest’ultimo possa influire sull’indole di chi lo subisce. E’ quasi invisibile per quanto sottile quel confine che separa l’amore premuroso dalla morbosità, nella stessa maniera in cui un cancello in una vasta distesa verde separa un bosco da una proprietà privata.

Pur non mancando di qualche scelta che potrebbe rivelarsi discutibile, l’opera prima di De Feo, con un finale che cambia totalmente ottica e carte in tavola, è un sorprendente gioiellino che porta a casa un ottimo risultato, se non l’ennesima prova che il cinema italiano è più vivo che mai e ha voglia di osare e dare prova di quanto non abbia nulla da invidiare al cinema di genere internazionale che noi tutti conosciamo.

Facebook
Instagram
YouTube
Twitter